FAJA - ROCCA DEI CORVI

Segnavia: rombo vuoto / Tempo percorrenza: ore 01.15 - 01.30 / Dislivello: 462 m. / Quota massima: 793 m.

Altimetria

Il nostro itinerario questa volta parte dall’abitato della Faja e più esattamente in prossimità della chiesetta dedicata a San Giacomo e Santa Libera.
Ci lasciamo alle spalle il nucleo di case ed all’altezza della trattoria della Signora Marabotto (posto pubblico telefonico), oltrepassando un gruppo di vecchie case, si sbuca su di un ampio piazzale usato come deposito di legname e circondato da antichi castagni.
Si prosegue per il viottolo a destra in leggera salita e superato il primo rio (Rian du Scarun) si prende a sinistra, lasciando a destra la strada che conduce a Montagna.
Si raggiunge un trivio, si mantiene il sentiero di centro che continua a mezza costa; si superano così un altro rio e due bivi prendendo prendendo per due volte a destra.
Il sentiero sale ora in maniera decisa, troviamo alcuni tornanti e passiamo a ridosso di una parete rocciosa.
Al bivio prendere a sinistra, lasciando un altro sentiero per Montagna verso destra.
Dopo un breve tratto in salita, raggiunta quota 540 m., la strada si stringe, diventando un sentiero che si unisce a quello descritto all’itinerario n. 3 (segnavia due linee rosse).
Troviamo dei belli esemplari di faggio e molto muschio, dovuto all’esposizione verso nord della valle.
Raggiungiamo così, in continua salita, la colletta a quota 620 m., dove convergono gli itinerari provenienti da Valleggio e da Segno ed in breve risaliamo le pendici della Rocca dei Corvi, come da itinerario n. 1.